In evidenza

Israele e la teologia della sostituzione

La teologia della sostituzione, chiamata anche Supersessionismo, è un’impostazione dottrinale che insegna che quando Israele ha rifiutato il proprio Messia, il Signore Gesù Cristo, Dio ha sostituito il popolo ebraico con la Chiesa. Nota anche come teologia dello spostamento, alcuni preferiscono, per darle una connotazione più positiva, definirla un’estensione o continuazione del popolo di Dio dell’Antico Testamento nella Chiesa del Nuovo Testamento.

Read More

Il rapimento rivelato

Il rapimento è qualcosa di ancora non ben chiaro nelle menti dei cristiani di tutto il mondo. Il motivo principale è che esso è stato, ed è tuttora, descritto in molti modi contrastanti da libri, film e simili, al punto da diffondere un falso punto di vista tra i credenti, che è quello con cui ciascuno di noi guarda a questo evento.


Il risveglio di una nuova religione

Il concetto di monomito si basa sull’idea che tutte le religioni del mondo possano essere ricondotte ad un unico “mito” originario, una sorta di calderone culturale. La descrizione del monomito inizia con la presentazione di un eroe che riceve una chiamata a lasciare il suo mondo ordinario per entrare in uno straordinario e intraprendere un percorso di avventure e difficoltà al termine del quale potrà ottenere un dono, ossia la scoperta di un’importante autocoscienza che potrà usare per cambiare la realtà in cui vive. Il percorso dell’eroe è costellato da difficoltà e nemici da sconfiggere, ma anche da scoperte ed incontri con amici con cui condividere le proprie avventure e la propria crescita.


I segni che portiamo

Come le cicatrici di Cristo ci parlano delle enorme ferite subite al nostro posto durante il tempo della sua ultima testimonianza, così a noi viene dato l’inestimabile privilegio di portare i segni prodotti dalle sofferenze che subiamo a nome suo.



Il ministero della notte

Se Dio ti ha scelto per essere oggetto speciale della Sua grazia potrai aspettarti che ti onori con una disciplina più stretta del solito e con sofferenze maggiori di quelle riservate a coloro che hanno riscontrato meno favore.



L’esito della Chiesa

Proporre un’uscita di scena pre-tribolazionista della Chiesa, che è “colonna e sostegno della verità” (1 Timoteo 3:15), equivale a scegliere un anti-climax, indegno ed estraneo rispetto a tutto ciò che la Bibbia rivela sul percorso…


Dove Dio sta portando la Chiesa

Giovanni 21:18: “In verità, in verità ti dico che quand’eri più giovane ti cingevi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le tue mani e un altro ti cingerà e ti condurrà dove non vorresti.”


Il Ritorno di Cristo e il Rapimento della Chiesa

Con questo articolo segnaliamo ai nostri lettori l’uscita dell’ultimo libro di Corrado Maggia dal titolo “Il ritorno di Cristo e il rapimento della Chiesa”, includendo una sua lettera di presentazione, l’indice e un estratto. Si tratta del primo libro in italiano (per completezza) sull’argomento. Ciò ci permette di dire che anche in Italia ora possiamo disporre di una quantità di materiale tale da soddisfare la richiesta di conoscenza dei più. Sequenza Profetica ha giocato un ruolo determinante in questi anni offrendo un notevole contributo conoscitivo e valutativo nel campo della profezia biblica inerente gli ultimi tempi, di cui, il ritorno del Signore è posto al centro. Il quadro conoscitivo che ne esce, è un’organica rappresentazione e valutazione dello scenario profetico.


I preparativi alla III guerra mondiale

Tutto l’Occidente e il resto del mondo stanno assistendo ad uno degli eventi geopolitici più significativi del secolo, che sta avendo luogo in Iraq e nel limitrofo Medio Oriente. Solo in pochi, però, comprendono la portata di ciò che sta accadendo e sono anche meno quelli che riescono a visualizzarne in contesto più ampio. Stiamo assistendo ad un ulteriore passo avanti nei preparativi in atto per l’esplosione della terza guerra mondiale e per il cambiamento radicale del mondo come lo conosciamo oggi. Nessuno verrà escluso dalle conseguenze degli eventi che stanno prendendo forma per mano degli architetti e dei direttori d’orchestra della politica mondiale.


La venuta del Messia

La radice di tutto l’antisemitismo sulla terra non è un segreto: è l’odio, la paura e il disprezzo del Messia che viene e che regnerà dal Trono di Davide. Colui che conclude gli eventi è il Messia. Il Messia verrà di nuovo e, in quell’occasione, non si presenterà come Servo Sofferente, ma come Re Conquistatore. Durante la Sua seconda venuta il Messia-Cristo sederà in giudizio. Questo mirabile evento avrà luogo sia in uno spazio-tempo terreno che celeste. Il Giorno del Giudizio si compirà, ma non in un giorno qualunque. Il giorno della resa dei conti avrà luogo in una data speciale del calendari ebraico, il Giorno dell’Espiazione. Il tramonto di quel giorno vedrà il cieli aprirsi come un rotolo di pergamena e lo spazio-tempo si schiuderà trasportandoci nel Giorno del Signore come in un vortice. In quel giorno Egli manderà i Suoi angeli alla mietitura: prima gli angeli dell’ira saranno liberati per raccogliere le zizzanie, poi gli angeli santi raccoglieranno il grano. Egli glorificherà il Suo Eletto nella Resurrezione-Rapimento e poi stabilirà il tanto atteso Millennio del Messia.


La prossima festività

Il Signore disse ancora a Mosè:
Parla ai figli d’Israele e di’ loro:
“Il settimo mese, il primo giorno del mese, avrete un riposo solenne,
che sarà ricordato con il suono della tromba,
una santa convocazione. Non farete nessun lavoro ordinario e
offrirete al Signore dei sacrifici consumati dal fuoco”.

Levitico 23:23-25


Sangue sull’altare

Nel gennaio di quest’anno (2014), il Centro di Ricerca Pew (una prestigiosa organizzazione con sede a Washington DC, che fornisce informazioni su questioni di ordine sociale e demografico) ha pubblicato il suo resoconto “Il picco…


Yom Teruah e le festività di Israele

Durante un futuro Yom Teruah, in un giorno di luna nuova del mese di Tishri, gli shofar inizieranno a suonare come non hanno mai fatto. Quest’ultima, futura ed epica Festa delle Trombe, o Rosh Hashanah, esploderà davanti agli occhi del mondo e nel bel mezzo della storia sacra. Sarà un giorno straordinario tanto di festa che di allarme. I tempi stabiliti da YHVH-Dio nella profezia delle Settanta Settimane di Daniele, saranno riesumati per davvero. Tutto il popolo eletto di Dio, da entrambe le case di Israele, sarà “chiamato fuori”, convocato nell’assemblea solenne della nuova e migliorata ekklesia di Dio, la Sua nuova “congregazione”, “sinagoga” o “chiesa” della Settantesima Settimana. I santi grideranno a Dio e questo accenderà il fatidico “risveglio della fine dei tempi” visto da Gioele (Gioele 2:28-32).