Passo dopo passo verso il trattato (III parte)

ShowImage.ashx

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Discernere i segni dei tempi, comparare le Scritture con le Scritture in preparazione del ritorno di Gesù, dovrebbe essere la passione della Chiesa di oggi. Invece, nella maggioranza dei casi, la profezia biblica non è rilevante.

Con questa terza parte sposteremo il nostro orizzonte profetico per ritrovarci nel contesto in cui avrà inizio l’ultima fase della storia che precederà il ritorno di Gesù, la settantesima settimana profetica di Daniele. Scopriremo che cosa ne sancirà l’inizio e cercheremo di identificare la roadmap verso il suo punto di partenza.

A far da sfondo a questo approfondimento ci sono le esortazioni di Gesù, il quale si rivolgeva ai discepoli dicendo loro di vegliare e discernere i segni dei tempi per non essere impreparati di fronte al futuro tempo di tribolazione.

Quel che dico a voi, lo dico a tutti: “Vegliate” (Marco 13:37)

La mattina dite: “Oggi tempesta, perché il cielo rosseggia cupo!” L’aspetto del cielo lo sapete dunque discernere, e i segni dei tempi non riuscite a discernerli? (Matteo 16:3)

La comprensione del trattato tra l’anticristo e Israele è centrale alla comprensione stessa della sequenza profetica degli avvenimenti, della controversia di Sion e del tempo di angoscia per Giacobbe. La bibbia definisce questo futuro patto o alleanza in modo ben definito.

Alleanza con la morte; Patto con il soggiorno dei morti

Isaia 28:15  — Voi dite: «Noi abbiamo fatto alleanza con la morte,
abbiamo fatto un patto con il soggiorno dei morti;
quando l’inondante flagello passerà, non giungerà fino a noi
perché abbiamo fatto della menzogna il nostro rifugio e ci siamo messi al sicuro dietro l’inganno». (Nuova Riveduta)

…abbiam fermato un patto col soggiorno de’ morti (Diodati)

Isaia 28:18 — La vostra alleanza con la morte sarà annullata,
e il vostro patto con il soggiorno dei morti non reggerà;
quando l’inondante flagello passerà,
voi sarete da esso. calpestati. (Nuova Riveduta)

Patto con la morte; Alleanza con lo Sceol

Isaia 28:15 — Voi dite: «Abbiamo concluso un patto con la morte, abbiamo fatto un’alleanza con lo Sceol; quando l’inondante flagello passerà, non giungerà fino a noi, perché abbiamo fatto della menzogna il nostro rifugio e ci siamo nascosti dietro la falsità». (Nuova Diodati)

Isaia 28:18 — Il vostro patto con la morte sarà annullato e la vostra alleanza con lo Sceol non reggerà; quando l’inondante flagello passerà, voi sarete da esso calpestati. (Nuova Diodati)

Un inganno perverso

Quest’alleanza sarà un vero inganno perverso perpetrato nei confronti di Israele da parte dell’Anticristo, del quale, all’inizio della 70ma settimana di Daniele è detto:

Ed esso confermerà (rafforzerà) il patto (accordo di difesa) a molti (la maggioranza politica di Israele) in una settimana (la 70ma settimana); e nella metà della settimana farà cessare il sacrificio, e l’offerta; poi verrà il desertatore sopra le ale abbominevoli; e fino alla finale e determinata perdizione, quell’inondazione sarà versata sopra il popolo desolato. (Daniele 9:27 – versione Diodati).

«Egli stabilirà un patto con molti, per una settimana; in mezzo alla settimana farà cessare sacrificio e offerta; sulle ali delle abominazioni verrà un devastatore. Il devastatore commetterà le cose più abominevoli, finché la completa distruzione, che è decretata, non piombi sul devastatore”». NUOVA RIVEDUTA

«Egli stabilirà un patto con molti, per una settimana; in mezzo alla settimana farà cessare sacrificio e offerta; sulle ali delle abominazioni verrà un devastatore. Il devastatore commetterà le cose più abominevoli, finché la completa distruzione, che è decretata, non piombi sul devastatore”». NUOVA DIODATI

«Egli stabilirà un saldo patto con molti, durante una settimana; e in mezzo alla settimana farà cessare sacrifizio e oblazione; e sulle ali delle abominazioni verrà un devastatore; e questo, finché la completa distruzione, che è decretata, non piombi sul devastatore’». RIVEDUTA

L’inganno di cui si parla in Matteo 24:11 sull’inizio della 70ma settimana di Daniele (e molti falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti) allude alla falsità di quell’anti-Messia (che, in questo momento vuole tener nascosto la sua identità) che si propone a Israele come il garante della sua sicurezza – “Io sono venuto nel nome del Padre mio, e voi non mi ricevete; se un altro verrà nel suo proprio nome, quello lo riceverete.” (Giovanni 5:43).

È in questo critico momento, con la stipula del patto con la morte e con il soggiorno dei morti che ha inizio la 70ma settimana profetica di Daniele.

di Sequenza Profetica

Parte I; Parte II