Sorpresa di ottobre: l’uragano Sandy vince le elezioni!

Di cosa sto parlando? Cosa significa un simile titolo? Significa che Obama stava decisamente scivolando verso il basso in tutti i sondaggi nazionali e in tutti i dibattiti. E più parlava, più scivolava; più attaccava Romney, più scoraggiava i propri elettori. Stava scivolando verso la sconfitta.

Non aveva pretesti a cui aggrapparsi, ma molti da cui stare lontano. Poi, improvvisamente, è giunta la tempesta del secolo, la più grande mai registrata nel nordest: tre tempeste unite in una sola. Un vento di nordest avvolto intorno ad un potente uragano con una fortissima corrente che scorreva nel mezzo, sovraccaricando la perturbazione oltre ogni immaginazione. Venti battenti a 150 chilometri orari, con la più bassa pressione mai vista in una tempesta atlantica (940 millibar, la più bassa mai registrata a quella latitudine). Le onde generate sono state le più alte mai viste lungo la costa (circa 4 metri in aggiunta all’alta marea del periodo di luna piena), e hanno inondato la città di New York, Manhattan e la costa del New Jersey.

L’hanno battezzata “tempesta da un miliardo di dollari”. Ma ora si pensa che possano essere almeno cinquanta i miliardi di dollari persi. Potrebbero volerci settimane per riattivare l’energia, mesi per rimettere in funzione la metropolitana e anni perché le cose tornino alla normalità! Questa grande catastrofe ha colpito un’area di quasi tremila chilometri dal Canada alla Georgia, e quasi duemila chilometri dalla costa orientale ad oltre Chicago. Inoltre, è coincisa esattamente con l’alta marea generata dalla luna piena, fatto che ha portato le acque oceaniche a rompere gli argini, superando di un metro le registrazioni massime effettuate a Battery Park, a New York. Mai prima d’ora un uragano aveva deviato verso ovest per abbattersi direttamente nella terra del New Jersey.

Il critico di Obama e governatore del New Jersey Chris Christie, sta tessendo le lodi del Presidente sugli schermi nazionali. Definisce i danni della tempesta “inimmaginabili” e non fa che ringraziare Obama per i suoi sforzi. Obama ha interrotto la sua campagna elettorale e sta provando ad agire in modo “presidenziale”. I sondaggi si sono interrotti, ma credetemi, i suoi numeri si stanno alzando drasticamente, e Sandy sta portando il Presidente ad una vittoria schiacciante! Meno farà propaganda elettorale, da qui alle elezioni, meglio sarà per lui. La chiave per il successo è che tenga la bocca chiusa, perché la sua campagna si è rivelata negativa e il popolo non l’ha apprezzato. Al popolo piace la calma e la freddezza di carattere che viene fuori nelle situazioni d’emergenza e porta compassione e speranza. SANDY HA VINTO LE ELEZIONI PER OBAMA!

Non ho scritto nulla sulle elezioni quest’anno. Se ne era già parlato costantemente e non vedevo come il Presidente potesse ribaltare l’ascesa di Romney. Siamo stati tutti d’accordo su un punto, però: l’unica cosa che avrebbe potuto dare una svolta alle elezioni a favore del Presidente sarebbe stato un intervento divino, qualcosa di davvero soprannaturale!

Non sto prendendo parti qui, ma vorrei presentare il caso come un evento pianificato e lasciar poi decidere al lettore. Poi parlerò di cosa significa cadere dal proverbiale precipizio. Noi pensiamo: “Sandy è stata una catastrofe!” Ma non abbiamo visto ancora niente! Se Obama vince le elezioni, ci sarà ben più di un baratro fiscale di cui preoccuparci!

 Alcuni osano chiamarlo complotto

Vorrei che fosse perfettamente chiaro. Onestamente, non so se ciò che sto per presentare sia vero o meno, ma è stato su internet tutto il tempo la scorsa settimana, in previsione dell’arrivo dell’uragano Sandy. Nel 1979 lessi il romanzo Weather War [Guerra meteorologica, n.d.t.], a proposito della manipolazione del clima da parte degli americani e dei sovietici. È possibile una cosa del genere? Non diamo la risposta per scontata.

Wikipedia descrive la “teoria del complotto sulle scie chimiche”. Pensiamo all’inseminazione delle nubi. L’atmosfera è disseminata di materiali provenienti dalle scie di condensazione degli aerei e ne viene sovraccaricata. Non voglio prendere posizione su questo, ma sul web è stata riportata notizia di scie chimiche rilasciate verso ovest durante la settimana precedente all’arrivo di Sandy. Quando parliamo di manipolazione del clima, pensiamo alle scie chimiche e all’HAARP.

HAARP sta per High Frequency Active Auroral Research Program (programma di ricerca dell’aurora attiva dell’alta frequenza), il cui scopo è “analizzare la ionosfera e ricercare il potenziale per lo sviluppo della tecnologia per il potenziamento ionosferico per le comunicazioni radio e la sorveglianza. Il programma HAARP opera in una struttura in zona sub-artica denominata Stazione di Ricerca HAARP, in un sito di proprietà della Air Force presso Gakona, in Alaska” (Fonte: Wikipedia). Queste non sono teorie, ma fatti. In questa serie di video [in inglese, n.d.t.] ci sono maggiori informazioni al riguardo.

Le onde a bassa frequenza stimolano la ionosfera. Questo articolo e questo video [entrambi in inglese, n.d.t.] del metereologo Scott Stevens spiegano tutto ciò che si vuole sapere al riguardo! Il video parla anche della teoria del complotto sulle scie chimiche.

Dunque, il clima viene davvero manipolato e controllato? Rispondere a questa domanda sta ad ognuno di noi.

In verità non importa molto. Il fatto è che Sandy ha tolto ad Obama il problema della campagna elettorale in cui il “candidato principale” stava perdendo terreno. Più faceva propaganda, più voti perdeva. Ora si limita a stare in silenzio e a sembrare “presidenziale” ed occupato a rendere felici i Chris Christie di tutto il mondo, promettendo aiuto per ricostruire. Tutto ciò che Romney può fare è dire: “Anch’io!” Vorrebbe essere d’aiuto anche lui, ma la persona in carica ha vita più facile.

 Conclusioni

La diffusione del deficit mondiale porterà ad una inevitabile catastrofe che eclisserà qualunque disastro naturale. Non fraintendetemi. Non sostengo nessuno dei candidati, ma credo che Obama ci porterà sul fondo prima di Romney. Come ho già detto molte volte, nessuna delle parti possiede la disciplina necessaria per bilanciare i fondi o controllare le spese, nemmeno Ryan. La sua proposta si limiterebbe solo a rallentare la caduta. Obama userà senza dubbio il suo potere per creare un pretesto che tamponi per un po’ l’emorragia, ma entrambe le strade proposte ci condurranno al baratro. E noi non ce ne stiamo a sbirciare timorosamente prima di saltare giù, ma siamo pronti a saltare a piedi pari, pensando che in qualche modo ci godremo la caduta verso il basso. La potenza che verrà controlla entrambe le parti e perseguirà il denaro.

 

Probabilmente, nei prossimi anni finiremo in un blocco ancora più grande. Uno dei primi atti del nuovo Congresso sarà di certo l’iniziazione dell’accusa contro il Presidente, mentre la verità su Bengasi, la tragica perdita di quattro americani e la innegabile incompetenza del Presidente e della sua amministrazione continua a venire fuori giorno dopo giorno. L’oltraggio di un episodio che è ben peggiore dello scandalo del Watergate viene sempre più a galla e il popolo si sta rendendo conto della crassa incompetenza che impera da Obama in giù.

L’economia continua a cedere. Le nazioni del Medio Oriente cadono come i tasselli del domino, una dopo l’altra, e i radicali islamici si accaparrano un  paese dopo l’altro. Cresce l’odio verso Israele, che viene sempre più minacciato dall’annichilimento nucleare iraniano. Damasco cade, ma non senza prima aver sparato gli ultimi colpi contro Israele, che è costretto a reagire. Il mondo islamico diventa sempre più arrabbiato man mano che la partita finale si avvicina!

Ascoltate! Se pensate che il ruggito delle onde di Sandy sia stato “inimmaginabile”, aspettate di vedere l’apice dell’era che si staglia sulle nostre teste. Sto parlando degli uomini che “verranno meno per la paurosa attesa di quello che starà per accadere al mondo; poiché le potenze dei cieli saranno scrollate”. Fate beffa quanto volete, ma quel giorno si verificherà un attacco di cuore su scala mondiale. Non siamo noi ad avere il controllo! È tempo di fare sul serio riguardo all’eternità.

di Dene McGriff

edizione italiana a cura di Sequenza Profetica