Amare Dio e discernere gli ultimi tempi

di Gavin Finley

Il profeta Daniele e l’apostolo Giovanni hanno apportato un immenso contributo alla nostra comprensione delle verità riguardanti gli ultimi tempi e il culmine di quest’epoca: a loro siamo debitori per i libri di Daniele e Apocalisse. Entrambi ricevettero la Parola di Dio attraverso visioni e un cielo aperto, ma perché ricevettero così tante benedizioni?

Le Scritture sono chiare nell’indicare che non erano soltanto intellettuali isolati dal mondo e che nessuno dei due giunse alla conoscenza della verità in seguito ad un lungo procedimento intellettuale. Allora cosa avevano di speciale da far si che a loro fossero affidate queste straordinarie e gloriose verità riguardanti gli ultimi tempi? Possiamo rintracciare qualche indizio nelle loro storie personali?

Le Scritture forniscono la risposta a questo interrogativo: entrambi avevano un profondo amore per Dio. Quest’amore si esprimeva in uno zelo nel vedere la rivelazione dei piani di Dio e dei suoi scopi qui sulla terra. Essi sentivano un forte peso per Gerusalemme e il popolo di Dio e a causa della loro dedizione per il patto divino si trovarono coinvolti in avventure straordinarie affrontando grandi prove. Dio, inoltre, aprì i cieli e rivelò loro i suoi segreti: al termine della loro esistenza avevano non solo visto l’ascesa e la caduta di regni e governanti ma la loro vista si era spinta attraverso i secoli, fino a permettergli di essere testimoni dei nostri giorni e della seconda venuta di Gesù, l’atteso Messia di Israele.

Sia il profeta Daniele, che l’Apostolo Giovanni ricevettero una speciale menzione nelle Scritture come amati da Dio. L’angelo Gabriele rivelò a Daniele, poco prima che egli ricevesse la profezia chiave delle settanta settimane, che egli era un uomo “molto amato”(vedi Da 9:23); quest’affermazione si ripetè di nuovo in un’altra visione in Danile 10:11, invece, per quel che riguarda l’apostolo Giovanni, egli era conosciuto come il discepolo che Gesù amava (vedi Gv 13:23, 19:26, 20:2 e 21:7).

Il rapporto basato sul patto divino era per loro una passione e uno studio fedele e accurato della sacra Parola di Dio. Entrambi affrontarono prove mortali e ricevettero miracoloso soccorso di fronte a terribili persecuzioni; Daniele trascorse una lunga notte al riparo da una fossa di leoni affamati e Giovanni (secondo la leggenda) uscì incolume da un calderone d’olio bollente. Quest’ultimo rimase con Gesù fino alla fine, era con lui al Golgota e fu testimone della sua crocifissione. La personale dedizione e la paziente sopportazione di questi due uomini era straordinaria e la loro fedeltà attraverso le prove e le tribolazioni confermò la loro passione per Dio. Probabilmente furono ritenuti degni di comunicare a noi la Parola di Dio riguardo gli ultimi tempi perché il loro rapporto d’amore con Dio era stato messo alla prova.

Nella società attuale, e a dire il vero nel passato, coloro che amano Dio sono stati spesso considerati dei “buonannulla”. Da molti che si definiscono cristiani, la passione per Dio è stata spesso considerata come un po’“esagerata”, un “extra” non essenziale riservato a coloro che hanno il tempo di tergiversare nel sentimentalismo religioso.

Ovviamente tutto può cambiare rapidamente e quando la storia bussa alla nostra porta è allora che riemergono le questioni eterne e che la passione per Dio sembra di nuovo essere all’ordine del giorno. L’esercito della Salvezza operò al fronte durante la terribile guerra di trincea della Prima Guerra Mondiale, un periodo in cui molti uomini s’interessarono alle cose di Dio. Durante la prima guerra del Golfo si convertirono talmente tanti soldati a Cristo che fu difficile trovare abbastanza acqua per battezzarli. Alla fine fu necessario battezzarli in delle bare: quale modo migliore per identificarsi con la morte di Gesù!

Nei momenti di prova i più grandi interrogativi della vita richiedono risposte ed è in quelle circostanze che l’uomo moderno ancora una volta ricorda che è uno spirito eterno che ha bisogno di salvezza. Gli esseri umani sono stati creati per avere un rapporto con Dio ed è lì che si trova la vera felicità. Alla croce, Gesù (il Dio della storia e dell’eternità), ha versato il suo sangue per i peccati del mondo ed è ravvedendosi e chiedendo a lui di entrare nella propria vita che sarà possibile trovare il vero significato della nostra esistenza e le risposte ai grandi interrogativi della vita.

Infatti, fu un uomo che amava Dio a scrivere il libro dell’Apocalisse. Conoscere e amare Gesù è la chiave per la comprensione degli ultimi tempi. Dio “sigilla” la verità degli ultimi tempi e la nasconde ad altri: lo fa forse per evitarne l’uso improprio da parte loro? Con l’avvicinarsi del giorno del Signore tutte le filosofie e gli sforzi umani falliranno ma la testimonianza di Gesù Cristo rimarrà. Fu l’amato Giovanni a portarci questa verità:

“……..la testimonianza di Gesù è lo spirito della profezia”. – Ap. 19:10

La storia sacra avanza in maniera teologica o lineare verso un apice. I cicli ipnotici del misticismo orientale, il freddo e impersonale ying e yang, il tetro e insignificante cerchio della vita e della morte, le droghe che annebbiano la mente e tutte queste tediose e inconcludenti filosofie trascinano le anime degli uomini nella polvere. Il vuoto misticismo esistenzialista in cui rimasero intrappolati i Beatles e la gioventù degli anni ’60 non condusse da nessuna parte, se non a letto con un estraneo nel vano tentativo di trovare “la pace” nell’eros senza un ritorno a Dio. La dottrina di Woodstock “fate l’amore, non fate la guerra” era solo un altro tentativo da parte del genere umano di tenere in equilibrio la pace e la guerra come un altro “ying e yang”. Rudyard Kipling disse: “L’est è l’est e l’ovest è l’ovest, i due non saranno mai conciliabili.” Aveva torto. L’uomo occidentale è ormai immerso nel misticismo; è veramente perduto e la sua mente annebbiata. Nell’Odissea di Omero il suo eroe fu detenuto su un’isola con la maga Circe per dieci anni: mangiando foglie di loto aveva dimenticato la sua identità e insieme ad essa la sua ricerca. Così anche l’uomo occidentale ha dimenticato la sua memoria e il suo destino e come l’equipaggio di Ulisse è stato anch’esso trasformato in un maiale. Ma la crisi dell’età presente arriverà, così, un bel giorno ci risveglieremo e ricorderemo la nostra identità (ciò che siamo stati) e come Ulisse ritorneremo alla nave, salperemo ancora una volta e riprenderemo il nostro viaggio. Ritorneremo come il figliol prodigo alla nostra casa spirituale, la casa del Padre, e da colui che veramente amiamo.

L’amore è un fuoco che brucia e le informazioni che Daniele ricevette dal trono di Dio in tre visioni non erano facili da accogliere. In Daniele 7:21 e 25, 8:24 e 12:7 è indicato che i santi perderanno il potere temporale e la protezione politica negli ultimi tempi; nei giorni del quinto sigillo della Grande Tribolazione essi subiranno un martirio di proporzioni sconcertanti. Quando la sua anima ascoltò queste verità concernenti gli ultimi tempi, queste erano di una gravità tale che Daniele svenne (come probabilmente faremo anche noi oggi), come si legge in Daniele 8:27. A lui non fu dato di capire come i santi degli ultimi tempi potessero perdere la lotta per il potere temporale e nonostante ciò ereditare il regno alla fine. Questo era per un lui un mistero tanto quanto lo è per noi oggi 2500 anni dopo. Il tema principale dei libro di Daniele e dell’apostolo Giovanni è la guerra spirituale (inevitabile e necessaria) che dovremo affrontare.

Come possiamo vedere, questo studio degli ultimi giorni è più che solo un esercizio accademico, ma è prima di tutto un passaggio che ha come fondamento l’amore e la passione per Dio. È un’avventura e una storia d’amore con Dio che supera i confini della morte e che si trasformerà col passare del tempo in una passione: essa sta crescendo dentro di noi ed è destinata ad affascinare e a consumare l’intero nostro essere. Questo viaggio con Dio ci porterà ad andare oltre le preoccupazioni del presente e le questioni di protezione politica e a sperimentare realtà che trascendono la mera sopravvivenza della carne. La Via ci condurrà al di là dei mandati della predominante vita egoista del presente e così, memori della moglie di Lot lasceremo alle spalle le nostre preoccupazioni e cammineremo senza guardarci indietro.

Questo pellegrinaggio è una passione; è la strada maestra della Santità (Is 35:8-10). Alla fine del percorso arriveremo nei pressi della Città Santa e una volta giunti in vista dei cancelli di splendore lasceremo alle spalle tutti i fardelli terreni che erano a noi cari entrando così nella città di Dio (Mt. 19:24-29) e in reami di gloria indicibile non ancora in vista.

Forse saremo “disperse come pecore senza pastore” (1 Re 22:17, Mt 9:36), ma nessuno sarà perduto.

Forse saremi stati (o ancora saremo) esiliati tra i goyim (pagani) ma Dio farà di noi “una luce per i gentili”.

Forse saremo considerati come “pecore da macello” (Sl 44:22, Rm 8:36) ma “noi siamo più che vincitori, in virtù di colui che ci ha amati”(Ro 8:37).

Gesù disse: “Sarete traditi da genitori, fratelli, parenti e amici”. “Faranno morire parecchi di voi” confidò il nostro Signore ai suoi discepoli nel discorso sul monte degli Ulivi (Mt 24). “Ma neppure un capello del vostro capo perirà” (Luca 21:18).
“Con la vostra costanza salverete le vostre vite” (Luca 21:19). “Io sono con voi tutti i giorni, (il nostro Signore dice) sino alla fine dell’età presente” (Mt 28:20).

continua con la  II parte ….

Traduzione e pubblicazione a cura di Sequenza Profetica (E’ vietata la riproduzione)