crisi del cibo 2011?

Sarà il 2011 l’anno dell’inizio della grande crisi globale del cibo?

Nell’articolo “i 14 fatti preoccupanti che portano a domandarsi che la carestia non sia già iniziata” ci si augura e si spera di non trovarsi di fronte all’inizio di un enorme crisi globale del cibo.

Purtroppo, dobbiamo constatare che per la seconda volta nel giro di pochi anni il mondo si trova ad affrontare lo spettro del caro cibo. Significa che non possiamo più illuderci che la crisi del 2007-2008 abbia rappresentato un evento eccezionale. Se oggi alcune delle cause scatenanti sono naturali, perché in diverse aree del mondo i raccolti non sono stati all’altezza delle aspettative, e cause politiche, non si può fare a meno di riconoscere che ci stiamo pian piano avvicinando a quel periodo di tempo in cui il salario di una giornata basterà a mala pena a procurarsi il fabbisogno giornaliero per la sopravvivenza. Il cavallo nero di una crisi economica mondiale senza precedenti avanza inesorabilmente, «Quando l’Agnello aprì il terzo sigillo, udii la terza creatura vivente che diceva: «Vieni». Guardai e vidi un cavallo nero; e colui che lo cavalcava aveva una bilancia in mano.«Una misura di frumento per un denaro e tre misure d’orzo per un denaro, ma non danneggiare né l’olio né il vino». (Apocalisse 6:5-6).

Anche noi speriamo ancora. Non però di evitare l’inevitabile, ma di vedere presto che chi deve farsi avanti e avvisare dei pericoli incombenti cominci, e cominci presto. Coraggio, perchè l’ora migliore per la Chiesa deve ancora arrivare!