Rinnovare la visione

Un appello a recuperare la visione profetica della Chiesa degli ultimi tempi.

Un messaggio di gloria e di vittoria per la Chiesa trionfante.

Tu, Daniele, tieni nascoste queste parole e sigilla il libro sino al tempo della fine. Molti lo studieranno con cura e la conoscenza aumenterà. Molti saranno purificati, imbiancati, affinati; ma gli empi agiranno empiamente e nessuno degli empi capirà, ma capiranno i saggi”. (Daniele 12:4,10).

Il destino della Chiesa è quella di prevalere su Satana nella forza e autorità di Gesù, conformandosi contemporaneamente all’immagine del Figlio di Dio. Il compimento del suo destino avrà luogo durante gli ultimi anni della sua era.

La dottrina Pre-Tribolazionista (il rapimento della Chiesa prima della Tribolazione) è un insegnamento impreciso e fuorviante che oscura questa visione della Chiesa, dicendo che essa non sarà sulla terra durante questo periodo cruciale.

In quest’ultima fase finale il cammino della Chiesa sarà paragonabile, in molti modi, al ministero pubblico di Gesù.

Molti abbandoneranno la fede perché non perseveranti, ma chi resisterà fino al tempo del raccolto sarà salvato.

A molti verrà offerta la corona del martirio e i santi vinceranno e riceveranno il regno per sempre.

Questo è il destino e la visione della Chiesa degli ultimi tempi che deve essere recuperato.

Gesù predisse che prima del Suo ritorno molti si sarebbero allontanati dalla fede e che l’amore dei più sarebbe venuto meno. Questo accadrà perché non avranno compreso la gloriosa chiamata della Chiesa ad essere testimone della potenza e delle virtù di Dio. Abbandoneranno questa potenza per abbracciare false dottrine umanistiche, che li priverà della vera potenza, quella che Dio dimostrerà attraverso la sua Chiesa.

È giunto il tempo di riconsiderare gli insegnamenti di Gesù per la Chiesa degli ultimi tempi.

Nella gara a cui siamo stati chiamati a partecipare, dobbiamo rinnovare la visione della linea d’arrivo, per non essere indolenti e non ritirarci, ma per perseverare fino alla fine della corsa.

Nei nostri cuori dobbiamo realizzare che questa comune sorte è parte dell’opera d’amore del Padre verso ciascuno di noi, chiamati ad essere conformi all’immagine di Suo figlio.

Questo che vi presentiamo non è un messaggio di tenebre e rovina. È un messaggio di gioia, di gloria e di vittoria, perché noi vinceremo! La chiesa trionferà! Noi stritoleremo Satana sotto i piedi nella forza e autorità di Gesù Cristo! Ed infine, erediteremo il regno di Dio per sempre!

Non otterremo questa vittoria con le armi della carne. Sarà vinta solo se seguiremo l’Agnello nella sapienza e potenza della croce.

Questo processo di preparazione e avvicinamento è paragonabile alla gestazione. La gestazione implica doglie di parto e queste doglie sono ormai vicino a noi.

Gesù disse che i suoi avrebbero dovuto perseverare fino al tempo del raccolto, cioè fino alla fine dell’età presente. Come Gesù allora, fissiamo anche noi lo sguardo sulla gioia posta al di là di tutte le nostre tribolazioni.

Lode e gloria siano al nostro Padre che ha mandato Suo figlio per salvarci e conformarci alla sua immagine, dandoci l’onore di essere chiamati suoi figli.

Rinnoviamo la visione della Chiesa degli ultimi tempi.